Alice

Sto scrivendo un nuovo romanzo.

Cioè, in teoria. Perchè nel frattempo devo scrivere migliaia di parole (varie migliaia) entro i primi di maggio per il PhD, e devo fare un mucchio di altre cose (leggere, scrivere affari più prosaici, evocare Divinità Piuttosto Tentacolute, di tanto in tanto vivere).

Comunque una prima stesura c’è già – risale a prima di Pan, prima della Ragazza dei miei Sogni, prima di tutto. L’ho scritta prima di aver pubblicato qualsiasi cosa, ed era il mio secondo romanzo. Oltre che, ne sono convinto, la cosa più potente che io abbia scritto finora.

Però ha bisogno di mille attenzioni. Sono cresciuto, ho affinato la mia tecnica, la sto affinando ancora. Devo rivedere radicalmente quasi tutto, lasciando però intatto il respiro della storia. Devo lavorare a volte di lima e a volte di martello pneumatico. E non è facile, perchè richiede umiltà (che è un pregio che stimo molto ma mi riconosco poco), energia (che invece ho in abbondanza, ma sono costretto a usare anche in molti altri modi) e tempo (gentiluomo e ladro, si sa).

Non so quando lo leggerete: tra non troppo, mi auguro, ma non domani.

Se però nel frattempo esce il nuovo film di Tim Burton, vi prego, fidatevi: ci sto lavorando da sette anni, a questo libro.

La mia Alice è diversa.

E sta già cadendo.

Annunci

9 responses to “Alice

  • Tagliatele la testa « Laramanni’s Weblog

    […] Pan e Alice, e mi è venuto in mente Francesco Dimitri. Il quale annuncia proprio oggi sul suo blog il suo nuovo romanzo: che è proprio Alice! E io non vedo l’ora: Alice è stata la “mia” favola, […]

  • Gamberetta

    Sette anni fa… non stai copiando Tim Burton, stai copiando American McGee’s Alice! Scherzo! ^_^
    Il gioco comunque non è male, è cupo e bizzarro. È stato annunciato da poco il seguito.

  • Valberici

    Mi fido… e spero di leggerlo al più presto 😉

    @Gamberetta: il gioco mi era assai piaciuto speriamo che il seguito sia all’altezza 🙂

  • Benmot

    American McGee’s Alice! Non vedo l’ora di giocare al seguito. E di vedere il burtoniano film. Anzi, nell’ordine, se davvero è più potente di Pan.. leggere (che nel mio criterio sta sopra giocare e vedere film e sotto altre cose).

  • Rouge D.T.

    Alice, eh? Niente male. Niente male davvero.

  • tanabrus

    Alice.

    Più potente di Pan.

    Non vedo l’ora che sia pronto questo libro!

  • francescodimitri

    Il problema del lavorare su Alice è non cadere nella retorica – ce n’è ancora di più di quanta ce ne sia su Peter Pan. Anche cadere nello ‘strano fine a se stesso’ sarebbe un errore – a me lo ‘strano fine a se stesso’ piace molto, ma su Alice è stato talmente usato, che bisogna percorrere terreni nuovi. E’ tanto difficile e spero che il risultato sia all’altezza. Ma di sicuro è una sfida molto divertente…

  • arianna

    a me basta che arrivi così me lo leggo e sono contenta

  • arcangelo

    ce la farai, ne sono certo….saranno lampi di luce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: