Prodotti e servizi

Ho scaricato l’applicazione per iPhone/iPod touch che permette di leggere /scaricare/archiviare i libri per Kindle comprati su Amazon.

E che vi devo dire? Sono sempre più convinto che l’ebook sia una delle strade del futuro. UNA delle strade, badiamo bene: la carta resta una tecnologia formidabile, e io per primo non smetto di comprarne (la bellissima edizione del Vento trai Salici che ho comprato di recente, illustrata e su carta di prima qualità, il Kindle non può darmela).

Ma una strada importante.

Usando l’applicazione in questione ho realizzato per la prima volta fino in fondo che cosa significhi il passaggio dal prodotto al servizio. Il libro diventa sempre meno un prodotto, sempre più un servizio. Se compro un libro per Kindle posso leggerlo sul mio Kindle (ma va). Ma se sono uscito senza Kindle e mi trovo ad aspettare i mezzi più a lungo del previsto, ecco, tiro fuori l’iPhone e continuo la lettura. E la continuo anche sul computer, poi, volendo.

Il libro sta diventando un servizio cui accedere: ‘comprando’ il libro compri il diritto di accedere a quel servizio dovunque tu sia. E continuiamo a chiamarlo libro solo per pigrizia – è sempre più una ‘storia’. Una storia che ti puoi godere su vari supporti (carta compresa), in vari momenti, in vari modi. E che, almeno finchè resti in Occidente e con una copertura cellulare, non ti lascia mai.

E’ molto più di un cambiamento tecnologico: è un cambiamento antropologico. Radicale. Certo che un libro elettronico ‘non è la stessa cosa’ di un libro di carta – è più un servizio che un prodotto. Ma, lasciatemi dire, ben venga la presenza di questi servizi. Sarà un cambiamento difficilissimo da gestire per autori e editori, ma ‘difficilissimo’ non vuol dire negativo. Anzi.

Siamo chiari: io credo sia una delle cose migliori capitate alla parola scritta negli ultimi vent’anni. Ma se continuiamo a ragionare con metafore prese dalla carta, questo non lo capiamo, e arriviamo in ritardo rispetto ai nostri stessi tempi. Questo cambiamento riporta al centro la figura dell’autore (e dell’editore, quando l’editore è bravo), perchè riporta al centro il contenuto. Se tutto quello che il lettore fa è accedere a un servizio, e se quel servizio è una storia, lo scrittore diventa un fornitore di servizi. Servizi indispensabili: io non credo che gli scrittori siano meno utili dei medici. Ma servizi. Ed è importante che il servizio sia di massimo livello: se la storia non ti divora, non avrai voglia di accederci più di tanto.

Sono ottimista, insomma. No, meglio: entusiasta.

I libri stanno morendo, lunga vita ai libri.

Annunci

16 responses to “Prodotti e servizi

  • mafd3t

    Purtroppo, a quanto ho sentito, il servizio per l’Italia è ancora abbastanza scadente…chissà quanto dovremo aspettare questa volta…

  • francescodimitri

    E’ solo in Inglese, ma non è scadente. Al momento non è possibile neppure dagli UK accedere a _tutti_ i libri disponibili negli USA, ma ce ne sono più che a sufficienza. E voci consistenti dicono che prestissimo aprirà uno store UK: a quel punto, essendo Europa, anche quei problemi cadono.

    La barriera che resta è quella linguistica: se non leggi l’Inglese, per il momento, è davvero poco utile (non inutile, ma poco utile sì).

    Ma questo è un altro discorso…

  • Valberici

    Dovrebbe arrivarmi martedì, poi provvederò anch’io all’interfacciamento con tutti i miei prodotti apple, ho visto che sarà anche presto disponibile l’applicazione per blackberry.
    Per ora sono solo ottimista, vedremo con l’uso se diventerò entusiasta, però ti do ragione riguardo al cambiamento radicale.
    E tutto sommato sono felice di vivere in quest’epoca di cambiamento 🙂

  • Stefano Romagna

    Io sono in fase di conversione. L’ho ordinato ieri e dovrebbe arrivarmi giusto per Natale. Ne sono già entusiasta e non vedo l’ora di provarlo. Sui libri, in italiano c’è una discreta scelta di classici reperibili legalmente e aggratis, tutti autori che non conosco e voglio approfondire. Non è il massimo, certo, ma è un inizio.
    Il resto lo leggerò in inglese iniziando da Clive Barker.

  • francescodimitri

    Val: sono curioso di vedere che ne penserai. Io non avevo messo a fuoco la portata del cambiamento fino a ieri, quando ho provato l’applicazione per iPhone… non è solo questione di supporti, è qualcosa di molto diverso.
    Stefano: in Italiano c’è tutto Sandokan! E io ho una passionaccia per Sandokan. Uno dei miei progetti di sempre è di scriverne un seguito…

  • demoniopellegrino

    d’accordissimo con il concetto di fondo, come ben sai. Pero’ invece a me l’applicazione iphone mi ha deluso. Essenzialmente per colpa della batteria dell’iphone, che dura davvero due minuti.

    Ma il concetto resta!

    Non so se hai letto, ma sempre piu’ editori qui in America stanno tentando di trasformare la versione ebook in una “tappa” della vita del libro. non lo fanno uscire la stessa data della copia con copertina rigida, ma sei-7 mesi dopo, prima del tascabile.

    Spero NON passi questa prassi.

  • francescodimitri

    Demonio: credo che il punto sia vederla come un’applicazione di emergenza. Non userei mai un iPhone per leggere un libro intero. Certo però che se non ho niente appresso e il treno è in ritardo… Quanto all’uscita: sono d’accordo, è una prassi sbagliata.

    Io ho in mente (ma non faccio l’editore) davvero una trasformazione dell’oggetto-libro in servizio-libro. E in quest’ottica la ‘carta’ sarebbe solo uno dei modi in cui io, editore fornitore del servizio (e non più venditore dell’oggetto), lo propongo ai miei clienti.

    Ma è tosta da inghiottire, perchè è una trasformazione dell’industria davvero radicale.

  • demonio pellegrino

    la vedo dura, ma di fondo concordo. Dove lo scarico sandokan???

  • Giorgio

    Per leggere sull’iPhone consiglio di mettere la luminosità al minimo (si legge lo stesso, specie se c’è meno luce ambientale) e togliere tutti i protocolli di rete (classica opzione “aereo”, anche se in quel modo non arrivano nemmeno le chiamate) e la batteria si allunga. Concordo con Francesco comuque, è l’emergenza prima di arrivare a casa dove ci sono libri e Kindle.

  • Valberici

    Io avevo messo a fuoco un bel niente, proprio vero che certe cose bisogna provarle 🙂

  • La mia prima impressione « Sproloqui e Deliri

    […] libro medio-grande. Per ora mi fermo, ma prossimamente aspettatevi altri post sul Kindle, credo che Francesco abbia ragione: siamo ad una svolta. Devo però capire con precisione in che direzione stiamo […]

  • vaniapovero

    ciao,
    ho scoperto da poco il tuo blog e i post che ho letto sono molto interessanti, specialmente quelli che hai dedicato al Kindle e agli ebook.
    ho sentito parlare molto bene dei tuoi libri e mi incuriosiscono, specialmente pan, ma devo ancora leggerli.
    mi trovo molto bene con gli ebook, da tempo li preferisco ai libri cartacei (anche per problemi di spazio a casa, sembra una questiona banale ma non lo è).
    una domanda: non c’è nessuna possibilità di comprare i tuoi romanzi in formato elettronico?

    vania

  • francescodimitri

    Vania: purtroppo no, al momento. Non dipende da me, dipende da editori e distributori (in Italia il mercato degli ebook è ancora molto indietro). Ma mi sto attrezzando, e i libri elettronici arriveranno al più presto, spero.

  • vania p.

    allora comprerò i tuoi libri in versione tradizionale 🙂

  • Nova « La Carne, l’Incanto, il Sogno

    […] Il primo: quando dico che adesso ai libri diventa possibile accedere come a un servizio, mi riferisco non solo ai reader dedicati, ma anche alle varie applicazioni connesse. Chi è interessato ai dettagli può leggere qui. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: