Alice nel Paese della Vaporità: il sito

E’ online il sito di Alice nel Paese della Vaporità.

Sito che è, a sua volta, un progetto. Come potrete leggere, l’ambientazione del libro è rilasciata con licenza Steamland Commons. Significa che tutti potete usarla, a patto che non lo facciate a scopi commerciali.

C’è di più.

Il cuore del sito è la sezione che si chiama ‘Il Sogno‘, che sarà interamente gestita da voi. In questa sezione potete caricare racconti, fotografie, disegni, poesie, quelchevipare, legati ad Alice e alla Steamland. Alla visione che ne avete voi. Per ‘caricarle’ basta spedirle a un indirizzo email (non ci sarà alcuna censura, solo un minimo di controllo da parte di Salani). E i più votati, tra qualche mese, vinceranno un piccolo premio.

Ma non è il premio, il punto. Il punto è che vorrei creare un mondo davvero interattivo, per usare una parola abusata. Si dice che il mondo di un libro, una volta scritto, appartenga ai lettori quanto all’autore – ecco, appunto.

In Salani sono stati molto comprensivi, nel seguirmi in questa idea bizzarra (bizzarra per una grossa casa editrice, almeno). La Steamland è un patchwork, come scoprirete leggendo il libro, e così lo diventa più che mai.

E lo diventa a tutti i livelli. I lettori che hanno voglia di produrre qualcosa, possono farlo in una vetrina prestigiosa come un sito Salani. Quelli che non vogliono produrre un bel niente, ma che si sono divertiti a leggere Alice nel Paese della Vaporità, possono trovare altre cose ambientate nella Steamland. In tutto questo il libro ha a disposizione la migliore promozione del mondo, quella che viene dal vostro entusiasmo e dalle vostre Steamland

Insomma: abbassando le barriere, diminuendo le distanze, abbiamo tutti da guadagnarci.

E’ un esperimento: magari andrà bene, magari male, staremo a vedere. Partecipate, se vi va.

A ogni modo Alice, la mia, stavolta arriva davvero.

Annunci

29 responses to “Alice nel Paese della Vaporità: il sito

  • imp.bianco

    Oddio non vedo l’ora di leggere questo libro. XD

    X-Bye

  • Vocedelsilenzio

    Anche io non vedo l’ora di leggerlo!
    L’idea del sito sembra molto interessante e gia il regalino delle prime 20 pagine è una cosa molto apprezzata!

  • francescodimitri

    Imp: arriva, arriva!
    Vocedelsilenzio: grazie. Sono convinto che dare ‘anticipazioni’ dei romanzi sia sempre un’ottima cosa…

  • Ayame

    Infatti lo è davvero. Bello bello.

  • Valberici

    Molto bene, io sono da sempre favorevole ad ogni “innovazione”. 🙂

    E mi piace anche la diffusione del primo capitolo, tanto quanto poco mi piacciono i libri esposti impacchettati nella plastica. 😉

  • Ema

    primo, complimenti per l’idea e per la realizzazione (immagino che, a parte l’idea, dietro il sito ci siano fior di professionisti). Da come la vedo io Salani potrà solo esser contenta della Community che si creerà sullo sfondo del tuo background 🙂
    Riguardo ad Alice… sono già dipendente. Da una cosa che non conosco. Ma dimmi tu. Mo’ pure il sito ci si doveva mettere.

    Dare gratis le anticipazioni dei libri è innanzitutto una cosa molto intelligente da parte dell’editore: se il libro un minimo prende, trovatemi il lettore (serio) che non farà di tutto per leggere il finale ora, subito, e no di certo quando arriverà l’edizione economica. (SE arriverà, di questi tempi). A tal proposito esiste una splendida iniziativa che forse conoscete, cui mi permetto di fare pubblicità anche qui: http://www.10righedailibri.it/ , sito che in collaborazione con alcune Case Editrici mette a disposizione gli incipit di parecchi testi.

    PS: “Salani, il sigillo sulLA Fantasy”? io direi o “sul Fantasy” o “sulla narrativa Fantasy”, ma magari è una fisima mia…

    PPS: ma il titolo veniva meglio in inglese. Alice in Steamland…

  • francescodimitri

    Ayame: grazie!
    Val: sono del tutto d’accordo. In ogni campo prima vedi il cammello e poi compri il cammello. Soltanto in editoria, a volte, questo sembra un taboo…
    Ema: grazie anche a te! Sì, ci sono dietro bravi professionisti. Bravi non solo tecnicamente, ma anche nell’apertura (altri mi avrebbero riso in faccia, per la ‘Steamland commons’). Bellissima l’iniziativa che segnali. E quanto al titolo in Inglese: Alice’s Adventures in Steamland sarebbe (sarà?) meraviglioso.

  • Rouge D.T.

    L’incipit del libro è vibrante. Intenso, improvviso, pieno d’incanto. Non ti fa solo venir voglia di andare avanti: ti fa bestemmiare perchè ancora non puoi.
    Quanto al sito, è un’ottima idea. Gli ho dato un’occhiata e credo che ne darò molte altre nell’immediato futuro. Tra il non troppo apprezzato (per questioni di gusto personale, più che altro) Greystorm e l’attesissima Alice mi girava già in testa l’idea di un fumetto Steampunk, per divertirmi. Con qualche dritta potrebbe finire lì da te nel Paese della Vaporità.
    E, da quel poco che ho letto: mica ci starebbe anche un giochetto di ruolo sulla Steamland?

  • francescodimitri

    Rouge: grazie! E…manda, manda. Quanto al gioco di ruolo: top secret, per ora. Che non è ‘no comment’…

  • Ale

    Francesco, stasera sono molto contenta.
    Ho appena visitato il sito, letto il primo capitolo, guardato e riguardato la copertina.

    Se il tuo libro mantiene ciò che promette sarà per me pura meraviglia e non vedo l’ora di averlo tra le mani!
    Grazie per il “dono” dello Steamland, sarà davvero divertente vedere che cosa uscira fuori dalla Vaporità! 😀

    Elfo

  • Rouge D.T.

    Stasera e domani comincio a lavorarci sopra. Quanto al gioco di ruolo: cavolo. Ti piacciono proprio i misteri, eh? E sia: top secret. Approfitto anche dell’ultimo commento che mi ha riportato in mente la copertina: ottima, ottima scelta. Complimenti.

  • Lidia Perfinta

    Ciao Francesco,
    complimenti per l’iniziativa e per il primo capitolo del libro. Il vero biglietto da visita vincente per un romanzo! Per l’iniziativa sono altrettanto contenta. Già partecipo attivamente al blog di Francesco Barbi, che ha avuto un’altra di queste idee deliziose, per chi ama le storie: un laboratorio di scrittura, anche quello basato su tracce relative al mondo del suo libro.
    Poi arrivo qui e cosa ci trovo? Ma è fantastico, il giusto modo di coinvolgere i lettori, di continuare a generare storie su storie, e da altre storie. E brava anche la Salani!

    Finiti i complimenti complimentissimi, ho alcune domande, un paio meramente tecniche, l’altra vorrebbe un’informazione:
    Eccole: ma si può spedire semplicemente un documento in formato rtf all’indirizzo? E c’è un limite di lunghezza per le storie?
    E poi… bisogna aspettare l’uscita del libro, o ci si può già fare un’idea dalla spiegazione di Vaporità che hai dato all’inizio del libro?

    Credo di aver detto tutto. Ciao

  • Ben

    La copertina (non l’avevo detto prima) è una figata. Il sito e l’idea della Steamland Commons pure.

    Uno scappellotto sul collo di tutti quegli autori che non vogliono che i loro lettori si divertano a creare fanfiction, disegni etc sull’ambientazione da loro creata.

    Inoltre è un’idea molto intelligente per rendere Alice in Steamland (concordo con chi dice che rende più in inglese) “espandibilmente immortale”.

    L’idea delle 20 pagine (ok, voglio il resto, e lo voglio ora) pure.

    Curiosità: perché il tizio che si schianta si chiama come me XD? Fra l’altro, o simpatico satiro cantore, non so se te l’avevo detto, ma il nomignolo della mia fidanzata è Lilli…m’ha fatto un po’ strano leggere il prologo 😛

    p.s. LA Fantasy? Ci sarebbe da dibattere, in teoria anche questa versione potrebbe andare bene..forse suona male perché non ci si è abituati..

  • :A:

    Good news, pal.
    And good luck, of course.
    Arriva Alice e arrivano le carni strane.
    Maggio non sarà il mese più crudele, ma sarà il mese più bizzarro. 😉

  • francescodimitri

    Ale: grazie a te per averlo apprezzato! Ma occhio, che la Vaporità è pericolosa…
    Rouge: sono curioso davvero.
    Lidia: sì, puoi spedire un semplice documento rtf e no, non c’è limite di lunghezza (entro i margini del buon senso, ovviamente…). E poi no, non c’è bisogno di aspettare l’uscita di Alice, potete cominciare subito! Non volevamo (nè io nè Salani) che la Steamland Commons fosse solo una scusa per fare comprare il libro.
    Ben: il tizio che si schianta ha un ruolo anche dopo. Altro non posso dire… e la coincidenza è inquietante.
    Adriano: grazie!

  • Ben

    Scusami se tocco ferro allora XD

  • DanielTravis

    Mandato il primo contributo, la breve storia di un eroe. E già che ci sono “cambio” anche D.T. (Rouge D.T.).

  • francescodimitri

    Grazie Rouge/Daniel! Appena Salani lo mette online me lo leggo…

  • Lidia Perfinta

    Anch’io posterò il mio contributo. La settimana prossima. Leggende e storie bizzarre che arrivano dalle nebbie della Steamland. Ora sono presa da un Torneo Letterario e la fine di un romanzo. Ma ci penso ogni giorno alla Steamland, nel tempo libero affino i particolari. Apprezzo tanto l’iniziativa, davvero.
    A presto!

  • francescodimitri

    Daniel: Salani ha pubblicato. E quanto mi piacciono, i Gargoyle… quello che ho in casa (Rupert) ne sarà contento.

    Lidia: aspetto numeroso. E sono io, ad apprezzare come la state cogliendo.

  • lucia/poetella

    evviva facebook!
    scoperto, grazie al soprascritto, questo posto magico e tutte le sue “aliciate meravigliose”…
    adesso è un po’ prestino per approfondire, (prestino come orario…) ma, appena possibile mi tufferò nella mischia.
    Splendide idee!
    Tutte!
    A presto…

  • francescodimitri

    Lucia: grazie e… benvenuta a bordo.

  • Ema

    intanto un plauso a Salani per aver tirato fuori un’edizione a copertina rigida, ben rilegata e con un prezzo appropriato. Sinceramente il prezzo di Pan per quel tipo di “economica non economica” mi aveva un po’ infastidito.

  • Notizie dai blog su Recensione: Alice nel Paese della Vaporità

    […] Alice nel Paese della Vaporità: il sito E’ online il sito di Alice nel Paese della Vaporità . Sito che è, a sua volta, un progetto. Come potrete leggere, l’ambientazione del libro è rilasciata con licenza Steamland Commons . Significa che tutti potete usarla, a patto che non lo facciate a scopi commerciali. C’è di più. blog: La Carne, l'Incanto, il Sogno | leggi l'articolo […]

  • Marco

    Ciao Francesco,

    Non sapevo dove scriverti un commento alla lettura di Alice. Non volevo farlo in privato per ovvi motivi. Ho provato su FB ma FB si impalla, quindi…

    Spero non sia un problema se lo riporto qui, tra altri commenti e post vari.

    Ho finito di leggerlo ieri. Piaciuto. Mi rifaccio al commento che ho postato sul forum di FM, nella discussione sulla recensione di Chiara Codecà. Per me non è un libro da cinque stelle. Non lo vedo come un’eccezione. Non mi ha dato quel che di nuovo, né mi ha sconvolto né sorpreso come mi aspettavo; dopo le prime venti pagine mi brillavano gli occhi (avevo inziato la lettura in macchina, leggendo quasi al buio. Non guidavo io) ma poi l’interesse e l’attenzione hanno subito un’involuzione. Probabilmente colpa anche delle aspettative alte.
    Immaginando un romanzo Steampunk si finisce per essere catturati in un altro (buon) libro fantasy; perché Steampunk non è – un genere che viene solo accennato, in Alice, per quel che ho notato, e per come la vedo io -, non è horror, né urban. Fantasy. Tocco macabro, violenza, psichedelia, sì. Ma mi aspettavo un universo più steampunkoso. Macchinari alla Doc. Brown e diavolerie varie più presenti, insomma. Il finale, un po’ deludente, come già detto da alcuni. In certi punti purtroppo mi sono perso; alcune parti del romanzo destabilizzano e non se ne capisce il senso. Ben delineati e attraenti i personaggi. Chesy il più riuscito, secondo me. Quello che avrebbe meritato più spazio, la Regina.

    Il libro, ripeto, mi è piaciuto, nonostante qualche perplessità 🙂 Mi piace il tuo stile e prossimamente leggerò Pan. Per quello che ho letto, tra gli scrittori italiani di genere, Mr. Dimitri mi ha fatto un’ottima impressione. Uno dei più bravi, con tutto il rispetto per gli altri.

    Adoro i cilindri. Bel cappello!

    ciao
    Marco

  • francescodimitri

    Marco: grazie del commento! (e maledetto Facebook). Ti rispondo sullo Steampunk, dicendoti che io non riesco bene a scrivere genere puro, quale che sia. Mi piace leggerlo e ho rispetto per chi sa scriverlo – quindi, intendiamoci, non è un giudizio. Ma di solito a me i generi interessano più per i loro aspetti estetici, da usare (e tentare di reinventare) nei miei libri, che per altro. E dal cappello prima o poi voglio tirare fuori un Coniglio vero…

  • Ema

    Ho letto già da molte parti le preferenze per Chesy. A me Chesy è andato da subito sulle palle, se mi perdoni il francesismo. Lui e le sue sentenziuole da so-tutto-io-ma-non-è-che-ti-dico-quello-che-devi-fare-nooooooooooooooo. Il personaggio che più mi ha conquistato è proprio quello di Alice, indubbiamente (come ti dicevo l’ho in parte associato ad Alita): è quello che cresce, si modifica, cambia. Gli altri sono caratteri fissi, almeno all’apparenza, che recitano una parte funzionale alla storia.

  • Notizie dai blog su Alice nel paese della vaporità

    […] Alice nel Paese della Vaporità: il sito E’ online il sito di Alice nel Paese della Vaporità . Sito che è, a sua volta, un progetto. Come potrete leggere, l’ambientazione del libro è rilasciata con licenza Steamland Commons . Significa che tutti potete usarla, a patto che non lo facciate a scopi commerciali. C’è di più. blog: La Carne, l'Incanto, il Sogno | leggi l'articolo […]

  • Advertigo » Blog Archive » Libri, Community e Creative Commons

    […] continua a leggere il post originale dal blog di Francesco Dimitri […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: